La scuola della memoria

Il progetto propone un percorso formativo volto a indagare e approfondire una tematica con valenza didattica correlata all’educazione civica, attraverso la metodologia che fa della narrazione scritta della propria esperienza di vita e della raccolta di testimonianze altrui lo strumento di lavoro privilegiato.
Si tratta di un approccio che intende andare a valorizzare l’esperienza esistenziale di ogni persona, attraverso la capacità di attribuzione di significati a quanto ciascuno sta vivendo o ha vissuto in passato. Attraverso la narrazione, sia quella scritta sia quella orale, la persona viene sollecitata a riconoscere il senso delle esperienze, delle relazioni, degli eventi, delle emozioni incontrate nel farsi del proprio cammino di vita. In tal modo si creano le condizioni favorevoli all’incremento della consapevolezza circa l’unicità e la singolarità di ogni esistenza, ma anche del contesto umano, sociale e civico in cui si attua l’esperienza.
La proposta prevede tre differenti momenti di attività:
– Percorso di scrittura autobiografica: agli studenti verrà proposto un breve percorso di scrittura autobiografica in cui essi avranno la possibilità di raccontarsi attraverso la scrittura, in riferimento alla tematica scelte.
– Raccolta di biografie: dopo aver sperimentato cosa significa “raccontarsi” gli studenti saranno chiamati a diventare dei veri e propri “biografi” ovvero, dei raccoglitori di storie di vita, acquisendo competenze nell’ascolto delle storie.
– Raccolta delle testimonianze e restituzione: tutti i materiali elaborati saranno raccolti all’interno di un opuscolo che verrà distribuito agli studenti coinvolti.

Tematiche proposte e destinatari:
Scuola primaria. Io abito il mio paese. (Il bene comune: il mio paese): si indagherà la relazione di ciascuno con i luoghi del proprio quotidiano abitare, cercando di adottare uno sguardo volto a cogliere e valorizzare non tanto gli spazi privati, quanto quelli pubblici. Si tratta di affinare la consapevolezza del valore dei luoghi intesi come “casa comune”, in cui ognuno si muove nel rispetto degli altri e contribuendo, con la propria postura, a delinearne le caratteristiche.
Scuola secondaria di primo grado. Parole in viaggio (Il viaggio): esperienza che si accende di senso in relazione all’incontro con l’altro e con l’altrove, nella scoperta di sé e della relazione con il mondo esterno. Il viaggio inteso come apertura al nuovo, al possibile; come capacità di cogliere e di accogliere ciò che esula dalla propria quotidianità; come occasione di cambiamento di sé, del proprio sguardo, della propria esperienza.

Modalità:
Il progetto, prevede un incontro preliminare con i docenti coinvolti e, per ogni classe partecipante, cinque incontri con un esperto; l’Istituto offrirà la propria assistenza per tutte le fasi della proposta didattica.

Nell’anno scolastico 2022-2023 il progetto Io abito il mio paese è stato attivato nella scuola primaria di Portula, per le classi III e IV. Gli incontri si svolgeranno con il seguente calendario:

  • 2 novembre, classe III, ore 10-12; classe IV ore 14.15-16.15
  • 9 novembre, classe III, ore 9.30-10.30; classe IV, ore 11-12
  • 16 novembre, classe III, ore 9.30-10.30; classe IV, ore 11-12
  • 22 novembre, classe III, ore 9.15-10.15; classe IV, ore 10.15-11.15
  • 6 dicembre, classe III, ore 9.30-10.30; classe IV, ore 11-12