Arrivare da lontano

0,0015,00

 

Arrivare da lontano. L’esodo istriano, fiumano e dalmata nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia

di Enrico Miletto, 2010, pp. 288

Il volume raccoglie un approfondito lavoro di ricerca che con rigore metodologico e grande passione l’autore ha svolto attingendo sia alle fonti archivistiche e documentarie, sia a un significativo numero di interviste raccolte presso i protagonisti dell’esodo. Questa ricerca segue quella analoga che lo stesso autore aveva già condotto qualche anno fa nel territorio torinese.

Svuota
COD: N/A Categoria: Tag:

Descrizione

Il volume raccoglie un approfondito lavoro di ricerca che con rigore metodologico e grande passione l’autore ha svolto attingendo sia alle fonti archivistiche e documentarie, sia a un significativo numero di interviste raccolte presso i protagonisti dell’esodo. Questa ricerca segue quella analoga che lo stesso autore aveva già condotto qualche anno fa, nel territorio torinese.
Difficile riannodare i fili che hanno tessuto le storie di quanti da un lato si sono sentiti rifiutati da una terra improvvisamente non più patria e dall’altro sradicati dalla terra d’origine.
Nei molti anni di silenzio sono emersi da un lato solo le memorie dolorose e personali degli esuli, dall’altro solo contributi con un marcato taglio polemico-politico; in entrambi i casi tali documenti non hanno contribuito a creare una coscienza storica nel Paese.
Il lavoro presentato è invece un equilibrato intreccio tra i ricordi personali, gli album di famiglia e i documenti ufficiali, gli articoli di giornale, le illustrazioni dell’epoca, da cui emergono le condizioni degli esuli in un territorio in precario equilibrio tra sentimenti di collettiva diffidenza e di soggettiva umanità. Una integrazione lenta ma effettiva, una progressiva conquista di legittimità ad essere un comune cittadino.
Negli ultimi anni va detto che si è ricominciato a scrivere dell’esodo con un approccio più scientifico che, pur partendo dalla memoria dei singoli, cerca di collocare il sentire soggettivo in un contesto di più ampio respiro, che affronta anche l’imbarazzo di una certa storiografia.
È quanto viene evidenziato nella ricerca di Enrico Miletto, che nell’analisi della realtà vercellese ritrova le dicotomie della più complessa storia dell’esodo costituita da dolore e gioia, disperazione e speranza, rifiuti e umiliazioni, accoglienza e solidarietà.
Pagine di storia per alcuni aspetti ancora molto vicina a noi e per altri già lontana; proprio per questo è necessario dedicare spazio e tempo non solo per commemorare, ma anche per rileggere e riflettere con maggiore oggettività, riprendendo il tema assai più ampio e sempre attuale dei confini e delle separazioni (Gianni Oliva, assessore alla Cultura della Regione Piemonte).

Informazioni aggiuntive

Formato

,

Autore

Pagine

288

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Arrivare da lontano”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *