Disperso a Cefalonia

12,00

 

Disperso a Cefalonia. Storia di Giovanni Gardoni che non tornò dalla guerra

di Marisa Gardoni, 2012, pp. 77

L’opera ripercorre le vicende biografiche di Giovanni Gardoni, zio dell’autrice, il quale, benché più volte posto in congedo illimitato dall’esercito, venne richiamato e inviato a Cefalonia poco tempo prima dell’8 settembre 1943 e dei tragici fatti in cui caddero migliaia di soldati italiani; di lui non si è più saputo nulla ed è stato così annoverato tra i dispersi.

Ascolta il primo capitolo del volume, letto da Daniele Conserva

Solo 3 pezzi disponibili

Categoria:

Descrizione

L’opera ripercorre le vicende biografiche di Giovanni Gardoni, zio dell’autrice, inserite nel contesto di una famiglia emigrata dalla provincia bresciana a Borgosesia per lavoro, passando dalla vita e cultura agricola all’ambiente operaio e industriale del primo Novecento.
Giovanni Gardoni, benché più volte posto in congedo illimitato dall’esercito, viene richiamato e inviato a Cefalonia poco tempo prima dell’8 settembre 1943 e dei tragici fatti in cui caddero migliaia di soldati italiani; di lui non si è più saputo nulla ed è stato così annoverato tra i dispersi.
L’autrice ricostruisce, sulla base del contesto storico in cui si è svolto l’eccidio, i possibili ultimi momenti di vita di Giovanni Gardoni, trasferendo il dolore privato in una dimensione pubblica che costituisce un tributo alla memoria dei soldati italiani che persero la vita all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943 o che furono internati nei campi di prigionia dai tedeschi.

Informazioni aggiuntive

Formato

Autore

Pagine

77

Anno

ISBN

978-88-905952-3-3

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Disperso a Cefalonia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *