Quando bastava un bicchiere d’acqua

15,00

 

Quando bastava un bicchiere d’acqua. Tribunale militare territoriale di Milano, procedimento contro Zuccari Merico e altri quindici, requisitoria del vice procuratore militare della Repubblica dott. Egidio Liberti, udienza dell’agosto 1952, dal testo stenografico

1974, pp. 190

Il volume contiene la requisitoria di Egidio Liberti, che – col grado di colonnello della Giustizia militare – nell’estate del 1952 sostenne l’accusa nel processo contro la “Tagliamento”, legione della Guardia nazionale repubblicana che operò prevalentemente a Vercelli, in Valsesia e Valsessera, continuando poi a compiere delitti e atrocità anche dopo il trasferimento in territorio marchigiano, in particolare nella provincia di Pesaro-Urbino, e in seguito in Veneto e Lombardia.

Esaurito

Categoria:

Descrizione

Il 63° battaglione “Tagliamento” della Guardia nazionale repubblicana, giunto a Vercelli il 19 dicembre 1943 con l’ordine di stroncare il nascente “ribellismo”, in seguito alle ripetute richieste di rinforzi avanzate dal capo della provincia Michele Morsero ai vertici della Repubblica sociale, era comandato da Merico Zuccari. Il 1 marzo 1944, con la fusione del 63° battaglione e del battaglione giovanile “Camilluccia”, venne costituita la legione “Tagliamento”, articolata in due battaglioni, rispettivamente agli ordini del maggiore Giuseppe Ragonese e del maggiore Oreste Menegozzo.
Nel dopoguerra, i vari procedimenti aperti contro il comandante della legione e suoi sottoposti furono unificati dinanzi al pubblico ministero presso la Corte di assise, sezione speciale di Brescia, poiché gli ultimi atti di cui erano accusati Zuccari e i suoi erano appunto stati compiuti nel territorio di questa provincia. Il Tribunale di Brescia, essendo emerse nel corso dell’istruttoria “questioni di carattere militare influenti nel giudizio”, l’8 novembre 1947 dichiarò la propria incompetenza per materia e ordinò la trasmissione degli atti al Tribunale militare territoriale di Milano, rimettendo gli atti alla Procura militare presso il Tribunale militare di Milano.
Egidio Liberti fu comandante partigiano in val di Susa, vicecomandante delle formazioni “Giustizia e Libertà” del Piemonte e capo di stato maggiore del Cvl, ruolo nel quale portò un valido contributo alla preparazione e alla esecuzione della vittoriosa insurrezione dell’Italia occupata.

Informazioni aggiuntive

Formato

Autore

Pagine

190

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Quando bastava un bicchiere d’acqua”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.