Verso l’esilio

8,00

 

Verso l’esilio. Memorie di un anarchico confinato in Valsesia alla fine dell’Ottocento

di Pietro Calcagno, 1976, pp. 128

Diario dell’anarchico Pietro Calcagno, originario di Fontanetto Po, attivo nelle agitazioni e negli scioperi di fine Ottocento, per i quali fu arrestato e infine confinato, dopo Porto Ercole e Ponza, a Varallo.

Esaurito

Categoria:

Descrizione

«Scritto sul finire del secolo scorso, questo diario risente molto dell’atmosfera e dei clima ottocenteschi, per un certo languore romantico, per alcuni momenti di scoramento seguiti a momenti di fervorosa speranza. È, a nostro parere, una specie di romanzo intimo, alla Jacopo Ortis del Foscolo, che ha inaugurato, proprio ai primi dell’Ottocento, questo tipo di confessioni. Il Calcagno, nato a Fontanetto Po, in provincia di Vercelli, probabilmente attorno al 1860, lavorò per diversi anni come fornaio a Torino, dove fu arrestato per lo sciopero dei panettieri del 1881, uno dei primi scioperi avvenuti in Italia sulla base della predicazione marxiana, a cui si era di recente convertito anche Andrea Costa, il quale era stato, fino allora, uno dei maggiori esponenti italiani della corrente anarchica. Ma il Calcagno parve non voler seguire il maestro in tale suo nuovo orientamento e rimase fedele all’anarchismo, soprattutto durante gli anni della “febbre edilizia” a Roma, negli anni novanta dell’Ottocento. Arrestato di nuovo per le agitazioni del Primo maggio nella capitale, scontò un anno di carcere e, poi, fu destinato al domicilio coatto a Porto Ercole, Ponza e, infine, a Varallo Sesia» (dalla prefazione di Franco Catalano).

 

Informazioni aggiuntive

Formato

Autore

Pagine

128

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Verso l’esilio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.